Sei in: SPORT
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Seconda Categoria...
serrese--real catignano 2p_1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Promozione Girone...
CASALBORDINO-OVIDIANA SULMONA 7_1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Seconda Categoria...
serrese-real catignano 4p.jpg

05/12/2018

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Calcio: il punto sul Girone B di Prima Categoria

Visto 340 volte

COMMENTA

di nauta 051218

IL PUNTO SUL CAMPIONATO

marconetti 051218Giornata numero 12 nel girone B di prima categoria, dove le prime cinque della classe sono racchiuse in quattro punti. Continua senza sosta la marcia dell’Athletic Lanciano, capolista del raggruppamento, corsaro a Palombaro con un repentino 0-3: rossoneri in vantaggio già al 3’, con il tiro a giro di Chiarini che, dal vertice d’area, trafigge l’estremo di casa Prosini, ultimo arrivato dal mercato di riparazione in casa gialloblù; in una gara sempre sotto il pieno controllo, i frentani ipotecano la vittoria al quarto d’ora della ripresa, quando Di Meco è lesto a ribadire in rete dopo che Prosini gli aveva tano 051218respinto un penalty procurato dal subentrato Pagano; nel finale, dopo che il Palombaro resta anche in 10 per l’espulsione della punta Di Marsilio, il giovane Marconetti (che era entrato in campo nel corso del primo tempo) è protagonista di un ottimo inserimento a fari spenti e chiude virtualmente il match con diversi minuti di anticipo, contribuendo alla vittoria esterna numero 4 in stagione per mister Fischio e costringendo Padolecchia e i suoi ragazzi alla quarta sconfitta consecutiva, un trend molto negativo per i gialloblù (7 punti nelle ultime 8 gare), risucchiati nel pieno della zona play out. Tiene il passo della mascilongo 051218capolista la Virtus Ortona, vittoriosa nel proprio fortino su un combattivo Pretoro: due gol nei primi minuti dei due tempi per la truppa di mister Brettone, in vantaggio con Carmine Tano, ad inizio match, e al sicuro con il nono sigillo stagionale dell’implacabile Antonio Del Peschio; il Pretoro, che chiuderà anche in inferiorità numerica (espulso Di Pietro), accorcia le distanze con Blasioli, nel finale, ma ciò non basta per uscire indenni dalla trasferta ortonese, confermando il ruolino esterno come vero punto debole dei lupi, avendo raccolto appena quattro punti su leone 051218cinque uscite lontane dall’Amoroso. In terza piazza ci sono due compagini agguerrite: il Roccaspinalveti piega la resistenza della neo promossa Palena solo grazie al guizzo di Mascilongo, match winner di giornata, a metà ripresa, il quale regala altri tre punti d’oro ai biancoverdi; rammarico in casa biancoazzurra, dispiaciuta per non aver concretizzato le occasioni create. Tiene botta anche la Tollese che, al “Di Pillo”, supera l’Atessa e alimenta i sogni di gloria: dopo una prima frazione molto equilibrata, i biancorossi trovano il vantaggio al 42’ con Leone, che sfrutta una disattenzione generale degli ospiti; nella ripresa, al 21’, Di Girolamo sfoggia un gran calcio piazzato che toglie le ragnatele e mette le ali ai suoi, nonostante Pierri, allo scadere, accorci le distanze prima di sciupare una grande palla gol proprio all’ultimo secondo di gioco. Sono cinque su cinque le vittorie di mister Pasquini sul proprio terreno, mentre i draghi di mister Farina incappano nella terza sconfitta esterna del campionato, continuando una striscia negativa preoccupante (4 punti nelle ultime 5 giornate). Resiste nei piani alti anche l’arcigno Paglieta di mister Polidoro, alla terza vittoria consecutiva, che batte lo Scerni del presidente Lazzaro con un secco 2-0 maturato nella prima mezzora di gioco: Di Campli trasforma un rigore contestato dagli ospiti dopo 20 minuti, a cui segue il settimo gol nelle ultime tre gare di Kossiakov, autore di un assolo in velocità; la gara, tuttavia, è tutt’altro che in discesa per i padroni di casa, in quanto gli ospiti giocano una gran partita di carattere e di impegno, maledicendo la mala sorte in una giornata storta, avendo colpito due legni e sbattendo ripetutamente sui guantoni di un ispirato Luigi Cinalli. Non guarisce dalla pareggite il Fresa del neo tecnico Nicola Marcello, bloccato ancora una volta al San Lorenzo da un pari subito in rimonta, in una sfida risolta dai due numeri 5 delle due formazioni: i fresani si portano in vantaggio al 12’ della ripresa con il timbro di Gabriele Ottaviano, che finalizza un bello schema da palla inattiva; i neroverdi pervengono al pareggio con Ferrara, al 23’, che insacca sottomisura dagli sviluppi di un piazzato di D’Amore. I padroni di casa si prodigano nel forcing finale ma gli alto chietini (ringalluzziti anche dal mercato) resistono e strappano un importante punto esterno. Copertina di giornata per il San Vito del presidente Catenaro che, nel proprio impianto del Tommaso Verì, regola il malcapitato Celenza con un perentorio 3-0: è Annecchini, con un eurogol dai 35 metri, a spianare la strada agli uomini di mister Staniscia, al 41’; nella ripresa, normale amministrazione per i biancoazzurri, che dilagano con le due frecce nere Manneh, al 76’, e il subentrato Drammeh, al minuto 85, i quali bucano la difesa ospite (rinforzata dal ritorno di Moroianu) altre due volte vidimando il successo dei padroni di casa. Per il San Vito si tratta della vittoria numero quattro in casa; non c’è pace per i trignini, invece, con un solo punto conquistato in sei trasferte e con lo spettro della retrocessione sempre in agguato. Chiude il quadro il secondo pareggio di giornata, quello di Casalbordino tra il Real Casale e l’Atletico Francavilla. In quello che è un drammatico scontro salvezza, arriva un punto a testa che non servirà più di tanto alla classifica quanto al morale di due formazioni che ritrovano punti dopo un lungo periodo: succede tutto nella mezzora finale, con i giallorossi in vantaggio grazie a De Cillis, intorno all’ora di gioco; i villesi, fanalino di coda, si rialzano e, avvalorando i primi arrivi del mercato invernale, ribaltano addirittura il risultato, per effetto della seconda rete stagionale del centrocampista Demusis e quella del neo acquisto Stefano Rapino, classe ’86, a cavallo della mezzora; il tecnico casalese Del Monte è salvato dal terzino Biagio Dell’Osa, il quale timbra il cartellino e toglie le castagne dal fuoco,  fissando il risultato sul definitivo 2-2 a dieci minuti dallo scadere.

 

Settimanale a cura di BOPERDUE

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia