Sei in: SPORT
Inserito da Antonio Calabrese
E' Goal ! (Trasmissione d...
e goal_41.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
'Stili di vita e sana ali...
seminario val di sangro.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
'Nessun Ospedale di Area ...
testa-ospedale 3p.jpg

12/02/2019

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Calcio: il punto sul Girone B di Prima Categoria

Visto 468 volte

COMMENTA

di nauta 1202191

bucceroni 120219Siamo giunti alla ventunesima giornata del girone B di prima categoria. Partiamo dai due anticipi del sabato, entrambi fondamentali per obiettivi di alta e bassa classifica. A Montemarcone, l’Atessa soffre nel primo tempo uno Scerni in gran forma, che passa in vantaggio al 5’ con Monachetti; 60 secondi più tardi, Bucceroni rimette subito in equilibrio il match ma, al 18’ una dormita difensiva costa l’1-2 ad opera di Mario D’Ercole; a quel punto i draghi si svegliano e pareggiano con Luciani, al 28’, prima di chiudere avanti la frazione con Caruso, nel secondo minuto di recupero. Nella ripresa, i donatucci 120219padroni di casa gestiscono il vantaggio e si scatenano nell’ultima parte, andando a segno per altre quattro volte in 18 minuti con Bucceroni e Vasiu, che ne fanno due a testa: per il primo si tratta di hattrick ed il secondo, con questa doppietta, conquista lo scettro di re dei bomber, a quota 17 gol. Nell’altro anticipo, il Casalincontrada espugna la tana del fanalino di coda Atletico Francavilla, steso al quarto d’ora del primo tempo da Donatucci, il quale vidima il primo colpo esterno dei gialloblù in questa stagione; per la truppa di mister Cozzolino, invece, ennesima sconfitta, seppur di misura, anche diompy 120219se, ad onor del vero, il casale meriterebbe un passivo più ampio. Nel resto della giornata, nessuna sorpresa, in un turno che vede le prime sei in classifica tutte vittoriose.  Respinge l’assalto alla vetta la capolista Virtus Ortona, corsara a Fresagrandinaria contro un avversario ostico ma poco lucido in zona offensiva: nel primo tempo i gialloverdi colpiscono una traversa e, ad inizio ripresa, bomber Del Peschio centra il palo su punizione; nel finale, mister Brettone manda in campo Diompy, alzando il baricentro alla ricerca dei tre punti, e il senegalese lo ripaga della fiducia timbrando il cartellino al minuto 86, con il gol che permette agli ortonesi di espugnare il San Lorenzo. Da kossiakov 120219notare che entrambe le formazioni chiudono in dieci uomini. Per il Fresa si tratta della quarta sconfitta nelle ultime cinque gare, un’involuzione che ha compromesso l’ottima prima parte di campionato escludendola, di fatto, dalla zona play off, mentre per l’Ortona parliamo del quindicesimo risultato utile consecutivo, un dato che la dice lunga e che legittima il primo posto dei gialloverdi, che non perdono praticamente da un girone (ultima sconfitta a Tollo, lo scorso 14 ottobre, con la Tollese, prossima avversaria). Torna alla vittoria l’Athletic Lanciano che, dopo tre passi falsi, regola tra le mura amiche il Pretoro con un secco 3-0: a decidere una gara mai seriamente in discussione, ci pensano Chiarini, nel finale, e Barone che, con una doppietta, indirizza subito la gara dopo pochi minuti e si ripete a metà ripresa. Niente da fare per i lupi biancoverdi, in caduta libera nel nuovo anno, con solo 1 punto in 5 gare e la bellezza di 19 gol subiti contro uno realizzato, che chiudono anche in inferiorità numerica a causa dell’espulsione del difensore Di Pietro. La copertina di giornata se la prende il Paglieta del presidente Di Nucci che, dopo un’aspra battaglia, riesce ad espugnare Roccaspinalveti a trenta secondi dal fischio finale: la firma è del giovane Davide Kossiakov, classe 1997, giunto a quota 11 gol, quest’ultimo pesantissimo e che permette ai leoni biancoazzurri di non perdere contatti con le prime posizioni, alimentando sogni play off; per i biancoverdi di mister Travaglini, invece, un crollo strutturale dopo aver sfiorato anche la testa della classifica tra novembre e dicembre, ne sono testimoni le sei sconfitte nelle ultime otto gare disputate. In una giornata in cui non si registrano segni “X”, non mollano la presa neanche Tollese e Rapino, sempre appaiate con 37 punti al quinto posto in graduatoria e, con le proprie vittorie, entrambe con il punteggio di 2-0, staccano nettamente le inseguitrici, anche grazie al turno di riposo del Palena, che resta fermo a 31. I biancorossi di mister Pasquini superano il San Vito al Di Pillo con un gol per tempo: apre le danze il giovane centrocampista Morano, al 21’, chiude la pratica Mattia Valentini a pochi minuti dal novantesimo. Per i tollesi è il quinto risultato utile consecutivo, mentre per i biancoazzurri del presidente Catenaro è l’ottava sconfitta esterna stagionale; infatti, il San Vito fatica pesantemente lontano dal Verì, dove ha conquistato soltanto tre punti, frutto di altrettanti pareggi. Stesso risultato e, in pratica, medesima partita tra le aquile di Rapino e il modesto Trigno Celenza, che fa quello che può e tenta di mantenere il più possibile in uno dei campi più ostici del raggruppamento: il muro dei trignini crolla proprio nel recupero del primo tempo e la firma è sempre la stessa, capitan Donato D’Amore, il quale sblocca il risultato e ispira anche il raddoppio neroverde, arrivato intorno all’ora di gioco, grazie a Francesco Santoro, anche se l’ultimo tocco, decisivo,  forse è da attribuire all’estremo ospite Gaspari. Poco male, comunque, perché gli altochietini mettono in cascina altri tre punti d’oro per i sogni play off e continuano spediti la marcia; notte fonda per il Celenza, invece, sempre impantanato nelle sabbie mobili dei bassifondi e con i play out davvero difficili da evitare. Chiude la giornata la sfida salvezza tra Palombaro e Real Casale, dove mister Padolecchia ha la meglio sul collega Di Martino e può festeggiare la terza vittoria consecutiva tra le mura amiche, in cui sta costruendo la propria salvezza: in apertura, i locali passano subito a condurre grazie al diagonale di Pinto e, a metà tempo, raddoppiano grazie alla bella ripartenza finalizzata da Schieda con un beffardo pallonetto che scavalca Canosa; nella ripresa, i giallorossi provano a cambiare l’inerzia del match ma, alla mezzora, arriva il terzo sigillo dei padroni di casa, per effetto dell’inzuccata di Denis Zekthi, al primo centro con la nuova maglia, giusto premio ad un fedelissimo del tecnico Padolecchia, che lo ha voluto riportare con lui a dicembre.

 

Settimanale a cura di BOPERDUE

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia