Sei in: SPORT
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 5 (Serie C2 Giro...
doicaru daniel-per noi c7_15.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 5 (Serie C2 Giro...
rocchigiani alessandro-dynamo faras_1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 5 (Serie C1): ri...
cotturone paolo-sport center celano_3.jpg

20/10/2021

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Caos per la partenza del Campionato Amatori, le societā abruzzesi in rivolta

Visto 1672 volte

COMMENTA

bcc 2010212

Nella riunione di ieri, 19 ottobre, i dirigenti di 41 squadre che avevano regolarmente effettuato iscrizione a campionato amatori di calcio FIGC delegazione di Lanciano hanno appreso che, in considerazione della quasi totale assenza di arbitri comunicata dall’AIA, il torneo non potra’ partire. 
La soluzione unica fornita e’ quella di far slittare il tutto ad anno nuovo dove, per loro dire, potrebbero magicamente sistemarsi le cose. 
La domanda sorge spontanea, ma non era prevedibile? Invece no, si e’ piu’ volte comunicata data di inizio e sollecitato il bonifico per l’iscrizione. Quote indebitamente trattenute (in qualche caso da oltre un anno), incuranti dei sacrifici che le societa’ fanno per sostenere tali costi. Somme alle quali vanno aggiunti i fondi reperiti per il pagamento dei campi di gioco e del materiale sportivo oltre ai costi sostenuti individualmente dai tesserati per sottoporsi ad obbligatoria visita di idoneita’ medico sportiva. 
L’aver preteso il pagamento e’ inaccettabile, e siccome ‘a pensar male a volte ci si prende’ č  legittima la sensazione che incassata la quota la FIGC abbia incatenato i club impossibilitandoli ad organizzarsi con altre federazioni. Se consideriamo che dietro ogni societa’ ci sono almeno 30 tesserati e moltiplichiamo per il numero delle squadre iscritte il totale risulta essere oltre 1200 persone prese in giro o comunque non debitamente interessate dei fatti sin dai tempi non sospetti (ovvero inizio Settembre quando si era alle prime fasi organizzative ed avrebbero potuto evitare di sostenere determinate spese).
Alla luce di quanto emerso nell’incontro, le societa’ chiedono con forza il rispetto della regolare data di inizio (30 ottobre). Superata tale scadenza le stesse chiederanno con urgenza alla Figc la restituzione delle quote versate riservandosi di adire comunque le vie legali per tutte le spese sostenute e non godute. 
Non proprio una buona partenza per il neo presidente regionale FIGC Concezio Memmo e per il neo presidente regionale AIA Giuseppe De Santis. 

‘In fondo volevamo solo giocare a pallone……e per fortuna il pallone lo portiamo noi!’
Voce unica in rappresentanza di tutto il movimento amatori locale.

calcio amatoriale 201021

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia