Sei in: ATESSA -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
Fossacesia, la Asl 2 pote...
logo asl lanciano vasto_7.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Un milione dalla Regione ...
ospedale ortona p.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
In pensione Ercole D'Ugo,...
ercole dugo 1.jpg

13/02/2020

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Riorganizzazione attività chirurgica ospedali Lanciano Atessa e Vasto. Il sindaco Borrelli: 'È un modo per cercare di ottimizzare le risorse, vedremo. Ma non confondiamo le attività ospedaliere con qualche prestazione ambulatoriale in più'

Visto 1002 volte

COMMENTA

mites 130220

Riorganizzazione attività chirurgica ospedali Lanciano Atessa e Vasto. Il sindaco Borrelli: “È un modo per cercare di ottimizzare le risorse, vedremo. Ma non confondiamo le attività ospedaliere con qualche prestazione ambulatoriale in più” 

 

borrelli 130220E' un tentativo, da parte della Asl e della Giunta regionale, di ottimizzare le risorse umane (medici e infermieri) tra i tre ospedali dell’Abruzzo meridionale. Vedremo se riuscirà”. Così il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli, commenta l'annuncio del direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, di cambiare l'organizzazione delle attività chirurgiche nei presidi di Lanciano, Atessa e Vasto. Il coordinamento – come è stato spiegato dalla Asl - sarà, “non appannaggio dei soli anestesisti, ma affidato a un delegato della direzione generale della Asl che si avvarrà della collaborazione di medici e infermieri. In sostanza sarà istituita una unità operativa complessa di Direzione medica ospedaliera Lanciano Vasto Atessa che, sulla base di precise responsabilità attribuite, assicurerà una governance efficace ai tre presidi, sganciandoli da Chieti-Ortona”.

Per quanto riguarda Atessa – prosegue Borrelli - verificheremo che non si confonda un eventuale e utile potenziamento della chirurgia ambulatoriale, che già c’è, con la “Day surgery”, disciplina ospedaliera oggi mancante per giungere a un completo e effettivo funzionamento del “San Camillo de Lellis” come presidio di area disagiata. Il momento della verifica arriverà quando il Tavolo romano di monitoraggio approverà la riorganizzazione dell’intera rete ospedaliera abruzzese, attualmente ferma perché devono ancora essere chiariti parecchi aspetti, a cominciare dai superospedali, ovvero dai Dea di secondo livello di Chieti-Pescara e L’Aquila-Teramo”.


torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia