Sei in: ATESSA -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Settore Giovanile...
ortona juniores regionale 1p.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
La Scuola Calcio Numero U...
presentazione scuola calcio numero undici p.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Miglianico: novità nel s...
presentazione_2.jpg

27/06/2020

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Borrelli e Flocco: 'Finita l'emergenza, riattivare l'ospedale con la stessa celerità con cui è stato smantellato'

Visto 545 volte

COMMENTA

bcc 2706202

FINITA L’EMERGENZA, RIATTIVARE L’OSPEDALE CON LA STESSA CELERITA’ CON CUI E’ STATO SMANTELLATO

         borrelli 270620 La chiusura della struttura, allestita nell’Ospedale “San Camillo de Lellis” di Atessa per la cura dei pazienti Covid paucisintomatici, ci rallegra soprattutto perché testimonia che la pandemia si è attenuata e speriamo possa essere debellata al più presto. Ringraziamo il personale infermieristico e medico che, con professionalità e abnegazione, si è occupato dei pazienti e auguriamo loro un meritato riposo. Il ringraziamento va anche agli industriali (della Val di Sangro e di altre zone abruzzesi) che, con generosità, hanno messo a disposizione una somma ragguardevole per ristrutturare l’edificio.

            flocco 270620Non vogliamo tornare, oggi, su polemiche passate. E’ evidente ormai che è stato compiuto un errore di valutazione da parte della Regione e della Asl chietina. Un Covid hospital - alla luce della recente normativa nazionale e ministeriale - non può comunque più esistere in Atessa. Va quindi allestito, ovvero ricostruito, quanto già previsto nella programmazione regionale (Ospedale di Area Disagiata) con l’ aggiunta della riabilitazione cardio-polmonare a quella ortopedica già esistente.

            Finite le operazioni di sanificazione, che richiedono poco tempo, il San Camillo va restituito alla funzione assegnatagli, con la stessa celerità con cui è stato smantellato, a cominciare dai reparti ospedalieri e dai servizi distrettuali. Preoccupano certe discussioni, che stanno facendo alla Asl, circa l’intenzione di declassare a semplice ambulatorio, per problematiche di base, un servizio di eccellenza come quello di reumatologia e trasferire a Chieti la cura effettiva dei pazienti.

            Dopo l’approvazione, da parte del Ministero della Salute, del riordino ospedaliero in emergenza Covid, che non dovrebbe tardare, vanno definiti immediatamente tutti gli investimenti da attuare per il “San Camillo”. E, in questo caso, non si potrà fare affidamento sulla beneficenza dei privati. La Regione e la Asl devono indicare, con la massima sollecitudine, quali investimenti, reali e strutturali, vogliono fare, nel personale medico ospedaliero ed infermieristico, e nella organizzazione dell’area chirurgica, utile per alleggerire le liste di attesa di un intero territorio.

                                           Il Presidente del Consiglio Comunale                             Il Sindaco

                                                      Enrico Flocco                                                          Giulio Borrelli

covid hospital 2706200

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia