Sei in: ATESSA -> POLITICA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio: la classifica mar...
madonna luca-casalbordino (2)_14.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio: la classifica mar...
damario andrea-real montazzoli_13.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio: la classifica mar...
quaranta mirko-cortino.jpg

12/11/2017

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
'Paolucci ha mantenuto la parola': il Consigliere Fioriti fiducioso per il futuro dell'Ospedale San Camillo De Lellis di Atessa

Visto 330 volte

COMMENTA

gla impianti 121117

PAOLUCCI HA MANTENUTO LA PAROLA.

Con delibera  nr. 642 la Giunta Regionale Abruzzese  delibera di bloccare la riconversione da Presidio Ospedaliero a  PTA dell’ ospedale  "S. Camillo de Lellis" di Atessa  e di avviare la procedura  per il riconoscimento del nosocomio  in Ospedale di Area Disagiata.

fioriti 121117

Al di là di ogni polemica precedente, devo dare atto all’assessore Paolucci di aver mantenuto la parola data nel corso dell’ultimo consiglio comunale. 

Non solo, il fatto che abbia mantenuto la parola in questa circostanza, mi rende fiducioso sul fatto che, qualora non dovesse passare la proposta di ospedale disagiato ( anche in considerazione degli appetiti di altre aree che naturalmente sono sorti nel frattempo), si potrebbe por mano a quanto, a suo tempo, concordato con il Comitato In difesa dell’ospedale che , sinceramente, sotto certi versi, è ancor più migliorativo di quanto previsto per l’ospedale di zona disagiata. E questo è un altro impegno del predetto assessore NELLA MEDESIMA CIRCOSTANZA.

Certo non si può fare festa perché quel che resta del nostro Ospedale è davvero poca cosa, ma è il primo segnale positivo che registriamo da parecchio tempo ed è il primo stop a quello che sembrava un inarrestabile percorso di esaurimento e distruzione. E’ un primo risultato al quale, chi più e chi meno, maggioranza e minoranza, nella unitarietà della mozione presentata, hanno contribuito ad ottenere , senza vantare primogeniture perché senza l’azione dell’uno, l’altro non avrebbe potuto pensare di fare diversamente. E’ un risultato del Consiglio comunale di Atessa, nel suo insieme, e, quindi, dei cittadini della città atessana.

silvio paolucci 121117

Ora, però,  bisogna stare attenti. Siamo in una fase delicata nella quale dobbiamo svolgere un ruolo da pretoriani e fare in modo che l’ospedale cittadino, man mano, riacquisti qualcosa in più di quel che ha oggi. E nel campo dei segnali a favore, bene farebbero,  in questo caso le competenti direzioni sanitarie,  ad aumentare il numero dei piccoli interventi chirurgici che, al momento, vengono svolti settimanalmente poiché la domanda sembra assai rilevante e lo svolgimento degli stessi in Atessa significa alleggerire di molto l’assalto agli ospedali di Lanciano e Vasto, e quindi fare “buona amministrazione”.

Io confido anche in questo e, pur rimanendo, in una posizione trincerata e per nulla abbassando la guardia , sento che qualcosa di positivo si stia concretizzando per un territorio ed una Città che ha sempre sofferto tantissime mutilazioni.

Comunque sia aspettiamo le fioriture primaverili….

 

Carmine Fioriti – consigliere minoranza

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia