Sei in: ATESSA -> POLITICA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 5: nuova avventu...
di mascio giuseppe.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Casalbordino, 20 luglio. ...
trio jazz.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Torna a Vasto Art in the ...
ketos 1.jpg

30/05/2019

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
'Vogliamo chiarezza sul futuro del San Camillo De Lellis': il ricostituito Comitato spontaneo in Difesa dell'Ospedale di Atessa vuole chiarezza dalla nuova amministrazione regionale

Visto 893 volte

COMMENTA

bcc 3005192

Da circa un mese si è ricostituito il Comitato Spontaneo in difesa del presidio ospedaliero San Camillo de Lellis.

Con questo comunicato vogliamo far conoscere alla cittadinanza alcuni fatti di cui siamo stati testimoni nei giorni scorsi.

Giovedì scorso, 22 maggio 2019, presso l'ospedale della nostra cittadina, dopo tanto attendere si è tenuta una seduta colloquiale tra il Sindaco Giulio Borrelli, in rappresentanza dell'amministrazione comunale, il dirigente sanitario del presidio Rossana Di Nella e due esponenti dell'attuale giunta regionale: l'Ass.re Nicoletta Verì, delegata alla Sanità e Pari Opportunità, e l'Ass.re Nicola Campitelli, delegato all'Urbanistica e territorio-Demanio Marittimo-Paesaggi-Energia e Rifiuti.

Al dialogo erano presenti anche dei medici che lavorano nella struttura e altri provenienti da Lanciano e Chieti; alcuni operatori sanitari, un assessore un consigliere il presidente del  nostro Consiglio Comunale, alcuni sindaci del territorio e due esponenti del nostro gruppo civico.

 

Il tema del confronto è stato il futuro del San Camillo de Lellis, oggi ancora presidio ospedaliero, e le intenzioni della Regione riguardo al collocamento della nostra struttura nel panorama della programmazione sanitaria regionale.

 

Ad oggi la situazione è ancora aperta e potrebbe sortire l'esito sperato, cioè: affermare il giusto ruolo territoriale della nostra struttura ospedaliera. Ruolo che i dipendenti, medici e paramedici, portano avanti in modo egregio, vista l'attività prestata ancora oggi dal Pronto Soccorso, dal reparto di Medicina Generale e, fino a una decina di giorni fa anche la Chirurgia Ambulatoriale.

Durante il confronto sono state fatte delle ipotesi sulla sua conversione, ossia:

 

A)    Presidio Territoriale di Assistenza (non prevede il Pronto Soccorso e nessun tipo di attività ospedaliera). Questa congettura fu già proposta dalla precedente amministrazione regionale, poi accantonata dopo le numerose proteste cittadine e delle amministrazioni comunali.

 

B)    Centro “vocazionale” per una non ben definita disciplina medica. Anche questa idea è stata proposta in passato, ovviamente rifiutata dalla popolazione perché si tratta solo di ambulatori di visita, senza possibilità per interventi più incisivi. In sostanza un semplice centro visite... in una struttura di oltre 15.000 mq.

 

C)   Ospedale di area disagiata, che prevede: Medicina generale, Pronto Soccorso, Day Surgery, possibili attività radiologiche ed indagini laboratoristiche.

 

Dall' analisi delle dichiarazioni dell’Ass.re Verì è risultato evidente la NON volontà di tutelare Atessa e di uscire fuori dal solco tracciato finora.

Per noi del Comitato e per tutti i cittadini che hanno manifestato in passato l’unica strada da percorrere è portare avanti il progetto di Ospedale di Area Disagiata e per questo chiediamo :

 

1)    MANTENERE ATESSA NELLA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA DELLA REGIONE ABRUZZO

2)    IMMEDIATA E COMPLETA ATTUAZIONE ALLE DELIBERE DELLA ASL CHE, SU DISPOSIZIONE DELLA REGIONE, PREVEDONO IL RICONOSCIMENTO DI “OSPEDALE DI AREA DISAGIATA

 

Pur comprendendo tutte le difficoltà relative alla mancanza di alcuni ruoli fondamentali come quello del direttore generale della Asl, vorremmo capire quelle che sono le reali intenzioni della giunta regionale attuale sul futuro del nosocomio di Atessa, ed è per questo che chiediamo un incontro urgente al Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio.

 

Atessa 30 maggio 2019

 

IL COMITATO

 

Portavoce : Vincenzo D'Amario

ospedale atessa 300519

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia