Sei in: ATESSA -> POLITICA
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 5 (A2 maschile):...
antonio masi-tombesi 1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio (Serie D): San Nic...
epifani massimo.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Fossacesia, dal 4 luglio ...
fossacesia-spiaggia per tutti 2.jpg

04/06/2020

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Ruolo dei Sindaci e Covid Hospital: comunicato di Uniti per Atessa

Visto 609 volte

COMMENTA

bcc 040620

 Nonostante le spiegazioni date e i documenti mostrati, c’è chi continua ancora a mistificare le cose. Va, allora , chiarito che la disponibilita' data, agli inizi di marzo, dal sindaco di utilizzare temporaneamente i reparti dismessi dell'ospedale “San Camillo de Lellis” per ospitare i pazienti in quarantena, e forse affetti da Covid, e' stata data in forza del ruolo di autorita' locale di protezione civile, figura fondamentale del sistema di protezione civile, che assume la direzione dei servizi di emergenza che insistono sul territtorio, nonche' il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione colpita, anche mediante il censimento e la messa a disposizione di strutture, mezzi, attrezzature ed uomini per fronteggiare l'emergenza. Uno dei requisiti di un efficace ed efficiente  sistema di protezione civile consiste nella rapidita' delle decisioni e nella scelta delle soluzioni piu' adeguate a fronteggiare l'emergenza. Il sindaco, quale autorita' di protezione civile, assume responsabilita' dirette anche di natura civile e penale. Ora, i nostri avversari, forse a digiuno di diritto amministrativo e costituzionale, e della legge sulla protezione civile, su esplicita richiesta di ricognizione di strutture sanitarie disponibili avviata dal Dipartimento regionale della protezione civile, avrebbero voluto che il sindaco si sottraesse ai propri doveri o si aprissero infinite ed inconcludenti discussioni in Consiglio Comunale , con le quali si risidegnasse la sanita' nel nostro territtorio, decidendo interventi e reparti da assegnare all''ospedale di Atessa, a quello di Lanciano, di Vasto e di Ortona. Teoria alquanto bizzarra, fuori da qualsiasi logica e irrealizzabile. Anche la successiva richiesta dei sindaci del territorio di chiedere la terapia intensiva, non e' mai stata formulata per trasformare il nostro ospedale in un esclusivo Covid hospital. Innanzitutto la terapia intensiva non e' stata, finora,  mai realizzata e quindi questo non giustifica affatto lo smantellamento in 48 degli altri reparti.  Poi, in ogni caso, era proposto come reparto in aggiunta alle unità ospedaliere e ai servizi distrettuali per la cura delle altre patologie, secondo percorsi separati che erano stati indicati  fin dall'inizio nella lettera del sindaco e di Flocco, in perfetta aderenza e sintonia con  quanto ora contenuto nell'art  2 del recente decreto-legge “Rilancio Italia”.

covid hospital 040620

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia