Sei in: PESCARA -> PERSONAGGI
Inserito da Antonio Calabrese
Estrazione gas al lago di...
paolucci silvio 3_6.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Fossacesia: avvio dei lav...
fossacesia-municipio 3 media_9.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Calcio a 7: la classifica...
riso principio-per noi c7_13.jpg

23/10/2019

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Nuovo progetto per il dermopigmentista sperimentale Toni Belfatto La sua dermopigmentazione psicologica approda a Pescara con un nuovo centro

Visto 1006 volte

COMMENTA

Nuovo progetto per il dermopigmentista sperimentale Toni Belfatto

 toni belfatto 1 231019

La sua dermopigmentazione psicologica approda a Pescara con un nuovo centro

 

 

 

Pescara, 21 ottobre 2019 - Dopo i successi del tour che lo hanno visto come protagonista in giro per il mondo e il secondo Oscar internazionale di trucco permanente ricevuto in Brasile, Toni Belfatto torna a casa, nel suo Abruzzo, con un nuovo progetto. E lo fa tagliando il nastro di un nuovo centro estetico dedicato alla bellezza e al benessere, settori sempre più di tendenza negli ultimi anni. Verrà infatti inaugurato a Città Sant’Angelo (Pe) sabato 26 ottobre alle ore 18.00 il nuovo Belfatto Lab, ovvero il laboratorio d’eccellenza dedicato al bello e studiato per aiutare le persone a stare bene con se stesse. In che modo? Toni ha una lunga esperienza in merito. Il suo percorso è iniziato tanti anni fa quando decise di specializzarsi nel settore della dermopigmentazione che consiste in una serie di interventi inseribili nel più ampio concetto di tatuaggio paramedicale e brevettò la tricopigmentazione, pratica utilizzata per risolvere gli inestetismi legati alla calvizie e agli esiti cicatriziali. Oggi, alla luce della sua lunghissima esperienza in congressi internazionali, di collaborazioni con i più illustri chirurghi estetici e dopo la stesura di molti manuali tecnici tradotti in sei diverse lingue, ha maturato l’idea di farsi portavoce di una nuova tendenza estetica e medica, la dermopigmentazione psicologica. Una locuzione, questa, che sottolinea sicuramente l’aspetto psicologico e intimo di tutte quelle persone che si rivolgono a specialisti come lui per problematiche estetiche dovute a patologie che causano disagi alla persona, come ad esempio problemi gravi di alopecia, vitiligine o macchie cutanee. Sono tutte situazioni, queste, che incidono sulla sfera psicologica di chi sceglie di effettuare un trattamento. L’intervento estetico è sempre più richiesto e sempre più affine alla medicina perché sostiene e migliora tutte quelle condizioni che per il paziente sono fonte di disagio.

toni belfatto 2 231019

Alla luce dei suoi numerosi studi in materia e delle competenze specifiche acquisite, Toni Belfatto è diventato uno dei dermopigmentisti sperimentali più richiesti non solo in Italia dove opera già con il suo staff a Roma, Latina, Milano, Napoli, Vicenza, Casoli, suo paese natio, e ora anche Pescara, ma anche nel resto del mondo. Ne sono testimonianza i costanti tour, l’ultimo dei quali ha toccato San Pietroburgo, Guadalajara in Messico, Antalya in Turchia, Berlino e Libano tra qualche giorno ma anche l’apertura del Belfatto Lab a Balneário Camboriú, in Brasile, terra che lo accoglie da tanti anni e paese molto all’avanguardia in fatto di tendenza estetica.

Il Belfatto Lab di Città Sant’Angelo, situato in prossimità dell’uscita della A14 Pescara Nord, in via XXII Maggio 1944, avrà gli stessi trattamenti dei centri dislocati nel resto d’Italia, ovvero interventi di tricopigmentazione, trucco permanente e tatuaggio artistico; inoltre sarà il primo centro ad avere anche un’ala interamente dedicata all’estetica. Vi opereranno tutti professionisti qualificati in perfetta linea con l’ideologia portante della dermopigmentazione di eccellenza di Toni Belfatto.

Oltre ad essere un dermopigmentista sperimentale e affermato docente di fama internazionale, Belfatto è anche presidente dell’A.I.D.E.R., l’associazione che raccoglie i dermopigmentisti italiani e si occupa tra le tante cose anche degli aspetti legali legati alla professione, tra i quali la possibilità di rendere mutuabili quei trattamenti richiesti e praticati per l’insorgere non di un vizio estetico ma di una vera e propria patologia, di ottenere la copertura assicurativa per i danni subiti dai clienti che si rivolgono a operatori del settore che non posseggono il know how completo sull’utilizzo della tecnica e la necessità, sempre crescente, di proporre iniziative legislative che colmino il vuoto normativo e di conseguenza facciano chiarezza su un mondo ancora offuscato da tanta ambiguità.

toni belfatto 3 231019

 

 

torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia