Sei in: ATESSA -> CRONACA
Inserito da Antonio Calabrese
Campitelli (Lega): 'Con i...
lega lanciano 1.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Rocca San Giovanni: il Ca...
fabio caravaggio_3.jpg
Inserito da Antonio Calabrese
Uniti per Atessa: 'Riorga...
ospedale atessa drone p_2.jpg

17/03/2020

Inserito da Antonio Calabrese | 0 commenti
Covid-19, cambia la mappa degli ospedali: niente casi positivi a Vasto e Lanciano

Visto 2058 volte

COMMENTA

MITES 1703203

Cambia la mappa degli ospedali Covid-19 in provincia di Chieti. Il tema è stato discusso questa mattina nel corso dell'incontro del Direttore generale della Asl, Thomas Schael, con il Comitato ristretto dei sindaci, riunito via Skype. Hanno partecipato il Presidente Umberto Di Primio, Mario Pupillo, Francesco Menna e Massimo Tiberini, rispettivamente sindaci di Chieti, Lanciano, Vasto e Casoli.

SCHAEL ATESSA 1 170320

(Il sopralluogo di Thomas Schael ieri all'Ospedale di Atessa
con il sindaco Giulio Borrelli e i tecnici Asl)

Alla luce di valutazioni di tipo organizzativo, è stato stabilito che non saranno Covid hospital Vasto e Lanciano, mentre Ortona e Atessa accoglieranno casi diversi a seconda della complessità. Resta l'hub di Chieti,  dove andranno i malati più critici.

La variazione si è resa necessaria a seguito di una verifica fatta sul campo e che ha suggerito altre soluzioni, più idonee a garantire assistenza con le risorse a disposizione. E' caduta, dunque, su Ortona la scelta di accogliere pazienti Covid-19 in virtù delle professionalità già presenti, compresi anestesisti e rianimatori in grado di garantire assistenza ventilatoria invasiva o di supporto ai malati che dovessero averne bisogno. Senza trascurare la stretta connessione del "Bernabeo" con l'ospedale di Chieti, essendone uno "stabilimento di produzione", con cui la condivisione di pratiche e personale è già una realtà. 

SCAHEL ATESSA 2 170320

Ad Atessa, invece, in quanto ospedale di prossimità potranno andare i casi con pochi sintomi, sempre tenendo aperta la possibilità di intensificare il livello assistenziale attivando un’area sub intensiva e la rianimazione dopo che il personale sarà stato adeguatamente formato e affiancato da altre unità. Proseguono, dunque,  al "San Camillo" i lavori di adeguamento e creazione dei filtri che permettano al personale ingresso e uscita in sicurezza. 

Infine Vasto non può essere identificato esclusivamente come Covid Hospital poiché eroga funzioni di Dea di I livello in una zona di confine, con prestazioni rientranti tra quelle tempo-dipendenti.

SCAHEL ATESSA 3 170320

Le nuove indicazioni sono state formalmente comunicate alla Regione Abruzzo.

SCHAEL ATESSA 4 170320
torna su


Registrati per inserire un commento.

I campi obbligatori sono contrassegnati con *
Nome
Cognome
Nickname*
Email*
Password*
Ripeti Password*
Invia


Accetto le condizioni sulla privacy (visualizza)


Oppure inserisci nickname e password per accedere


Nickname
Password
Hai dimenticato la password?
Invia